Scroll Top

[Dai Social] Gauby | Cotes Catalanes Coume Gineste Blanc 2009

Facciamo così. D’ora in avanti lo specifico solo quando NON è salato-salatissimo, un bianco che mi piace da parecchio a salire.

Questo lo è con una violenza tra l’imbarazzante e l’intossicante: cristalli di salgemma, foderati di pistilli, infiorescenze, tuberose e tutto il repertorio di luce, vento e canyon che ci aspetta proprio lì, dove si incrociano Pirenei e Mediterraneo.

Come la grande X dell’isola del tesoro, come la beffarda W delle palme di questo pazzo pazzo pazzo mondo.

Niente che possa stupire chi bazzica abitualmente Calce, i vini di Gauby e il suo Coume Gineste. Qui in una versione (2009) non certo matura, che potrebbe essere tranquillamente lasciata lì senza pensieri, ma poi perché? A stapparlo oggi, con questa espressività tanto convinta e corroborante, non resta nessun rimpianto.

E Paperino è totalmente d’accordo: dice che se lo merita, almeno ogni tanto, un tonico così. Lui che starnazza, inciampa, si piange addosso, forse solo per accorgersi meglio di quando insiste, sorride, ce la fa.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.