[Dai Social] Damiano Ciolli | Olevano Romano Cesanese Cirsium Ris. 2019


Io ‘na sola cosa vojo dì, vabbè famo due.

Prima de tutto che sso vino è un zucchero e sto a rosicà come ‘na nutria der Tevere nossro perché me tocca ringrazià er fratello laziale che maa regalato. Alè, ‘o so che ce lo sai: sso vino è mejo d’en gò de Provedel ner recupero de testa.

E poi, che me pijasse ‘n corpo si sso vino nun è er Cesanese più gamé serio der monno, però più gajardo, che me retrocedesse ‘a maggica si sso vino nun è er Cesanese più piedirosso/rossese bbono daa storia, co meno mare e più braccia, ma sempre da tracannà a sorsoni come li mejo vini da sete.

Che cadesse er Colosseo si sso vino nun è ‘na domenica d’ottobre su quella terrazza de l’Esquilino a chiacchierà e beve fino a che nun arriva sera, quanno er sole non brucia più, ma luccica e scalla briciole d’estate mentre er vento te mischia orto, tera, cespugli, cortecce, pezzi de piante, vasi de teracotta, more, petali, spezie der barbecue, cenere: nun te devi nemmanco sforzà pe capì de che sa, basta che respiri ‘ndo stai.

Che er 160 arivasse in orario si sso vino dura più de sette minuti co’ qualunque fratello o sorella ‘o stappi, pure mejo se astemi. E si ve sembra che nun massico a lingua daa capitale, è solo perché a me ne è durato tre e ne vojo ancora.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.