I missionari della cucina italiana

La ristorazione in Italia vive un’assoluta singolarità. Non c’è paese al mondo che abbia un rapporto tanto intimo col cibo, nel bene e nel male, e non c’è paese che abbia tanti straordinari punti di forza e altrettante incredibili contraddizioni in questo settore.

Mi fermo spesso a pensare ai ristoranti da un punto di vista imprenditoriale e non posso far altro che registrare l’eccezione in cui vivono i locali di casa nostra.
Fare il ristoratore nel nostro paese è una missione, spesso un voto che coinvolge un’intera famiglia, più che un’attività imprenditoriale vera e propria.
Perche? Come mai in molti paesi qualcuno può decidere di investire nel ristorante che ha in testa, creare una squadra e fare business e nel nostro se non c’è un povero cristo che sacrifica la vita in sala e ai fornelli non ce la fa?
Evidentemente, è un mondo che ha delle criticità strutturali. Che poi, forse, sono quelle della macchina – paese nel suo complesso. Dal costo del lavoro alla burocrazia, dal sistema dei controlli alla gabbia igienico-sanitaria più cervellotica e opprimente del pianeta.
Problemi articolati, tra i responsabili del mancato lancio della cucina italiana, in quanto “sistema”, a livello internazionale. I casi di Ducasse, che esporta la Francia nel piatto e fa un fatturato annuo di 700 milioni di euro, o dei fratelli Roca, che avviano il loro progetto extranazionale con il supporto di una grossa banca catalana, sono un miraggio. Da noi si va per tentativi isolati e sforzi tutti individuali.
Ho parlato di questo, durante Identità Golose*, con molti cuochi e addetti ai lavori. Sintetizzo quello che è emerso con una frase di Massimo Bottura: “In Francia ai grandi cuochi gli danno la legione d’onore, in Italia gli mandano gli accertamenti fiscali”. Amen.

Post Correlati

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.