New York | 7 idee per 7 giorni



1) Il grande ristorante
Eleven Madison Park Restaurant* – Tre Stelle Michelin, posizione centralissima, atmosfere niuiorchesi di altissimo livello e carta dei vini da capogiro. A volte può far bene vivere sopra le proprie possibilità…
2) L’hamburger gourmet
The Spotted Pig* – Una Stella Michelin sarà anche troppa per un posto carino ma alla fine piuttosto semplice e caotico. Comunque l’hamburgr dello chef April Bloomfield, frutto di una ricetta particolare e materie prime che arrivano dirette da uno dei migliori macellai della città, merita la visita. Certo l’abbinamento con il roquefort fa discutere.
3) Colazione
Clinton Street Baking* – Voglia di breakfast all’americana? Niente di meglio dei pancakes di Neil e Martha. Vale la pena fare un’ora di fila per le versioni ai mitilli e alla banana (ma i gusti cambiano di giorno in giorno). Tutte rigorosamente accompagnate da burro all’acero caldo. In alternativa il Noho Star*, sulla cresta dell’onda per i suoi american coffee, e La Colombe* (piccolo torrefattore con diversi shop. Serve i suoi caffè in belle mug in ceramica di Deruta!).
4) Brunch & Co.
Se non ci siete mai stati Kat’s* è un’istituzione da celebrare (nasce nel 1888), così come i suoi sandwich con il beef pastrami. In quanto a storia e tradizione, comunque, non è da meno (anzi) Barney Greengrass*. Tutto buono, ma se volete sapere la nostra: uova strapazzate, salmone e storione. Accompagnato dai classici bagel, ovviamente. Se siete a Brooklin, invece, Juonior’s* è quello che fa per voi. In questo caso provare la “Famous n. 1 Original Cheesecake è un obbligo (pare la pensi così anche il vecchio Bill Clinton).
5) Ristorante Etnico
Qualsiasi cosa voglia dire in una città come New York… Comunque, i migliori noodle ci sono sembrati quelli del Great N.Y. Noodle Town*, una vera osteria cinese che fa anche una superba anatra laccata, e del Momofuku Noodle Bar*, decisamente più modernom sotto la regia dello chef – patron David Chang. Elegantissimo (con tanto di fontana e piante acquatiche) e di ottimo livello il thai – fusion Kittichai*; una garanzia di freschezza e gusto Tomoe Sushi* (pochissimi tavoli e locale spartano, ma la sostanza c’è tutta).
6) Il Mercato
Da vedere il Farmer Market di Union Square (lunedì-mercoledì-sabato), magari prima di fiondarsi al Chelsea Market per una birra “to go” nel barattolo di vetro, le ostriche o l’aragosta del mercato del pesce (a proposito se avete voglia di una buon bistrot di mare c’è Mary’s Fish Camp* che vi aspetta) e la straordinaria passeggiata negli spazi ricavati dalla vecchia ferrovia che attraversa i grattacieli (con tanto di nidi per gli uccellini!)
7) L’Enoteca
Union Square Wines & Spirits* – Impressionate per selezione, originalità e personalità. Sarà un caso, ma ci sono molte delle nostre bottiglie preferite. E c’è ancora chi parla di “gusto americano…”
Stanchi per il tour? Una birra “doppia” al McSorley’s Old Ale House* vi farà recuperare immediatamente le forze!
Foto: Giuseppe Carrus

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.