Il macaron alle alici di Frank


Gli amici bevevano e ballavano sorridenti durante l’ultima festa in spiaggia. Tutti felici, con il loro bel bicchiere di bollicine in mano. Musica, estate e tanto da bere: una formula perfetta.

Ed io? Stranamente non avevo voglia di bere o ballare in quel momento. La mia attenzione era tutta rivolta verso i tavoli in cui gli chef preparavano i finger food.

Uno, due, tre, quattro, cinque chef. Allora, vediamo un po’ chi sono. Mi fermo per sistemare una scarpa che non mi dava pace ed ecco avvicinarsi Frank Rizzuti* di Cucina Del Sud (Stella Michelin), col suo sorriso simpatico.

Ue, Frank…allora? Tutto ok? Un piccolo chit chat mentre lui continua il suo lavoro sotto la luce seducente di un neon blu e rosa.  Mi avvicino ancora e vedo un piattino di tartare di baccalà con patate, pomodoro e cialda di grano arso. Mmmm, penso: chissà se mi da un snack preview prima che il buffet si apra e arrivi la folla.

Lo guardo salivante e lui mi fa: “vieni con me”. Prende un tovagliolo bianco, si dirige verso un contenitore e mi porge qualcosa. “Prova e fammi sapere che ne pensi”.

Incuriosita scarto il pacchetto di Frank, guardo dentro e vedo un bellissimo macaron. Proviamo…
Crunch, primo morso. Quello piccolo, di indagine, in cui si cercano le consistenze e il contrasto fra la parte croccante e quella morbida. Hard and soft. Ma c’era qualcos’altro…

Secondo morso. Un morso più grande. Sai, per capire.  Ecco allora che al centro di questo cookie dolce scopro una sapidità assai interessante, un contrasto di sapori opposti, quasi fossero ai lati estremi dello spettro gustativo.

“Burro di alici”, mi fa. E continua a lavorare.

Terzo e ultimo morso. Arriva forte una cremosità saporita unita ad una decisa dolcezza croccante. Mmmm… meraviglioso! Impossibile resistere e non ingoiare.

“Che ne pensi?”. Frank, posso averne un altro? Sai com’è, per la foto. E mi scappa una mezza risata…

Post Correlati

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.