Vita SANA


Una bella fiera. E anche diversa, a dire il vero: nei modi e nei tempi, nelle facce e negli sguardi, nell’approccio di espositori e visitatori. Almeno così mi è sembrato.

Certo, non tutto fila liscio, non tutti sembrano soddisfatti al cento per cento e il Salone Internazionale del Naturale di Bologna, al pari di altri, mostra qualche crepa.
Chi lo conosce da sempre sostine che i tempi d’oro sono solo un ricordo, che molti settori faticano e gli espositori annaspano. Rumors sempre più insistenti vociferano di un trasferimento a Milano, forse a Rimini. Altri parlano del recupro di un vecchio evento a Verona. Vedremo.
E allora, direbbe qualcuno, la domanda sorge spontanea. Ma il biologico tira, anche di questi tempi? Si, almeno secondo gli organizzatori e i freddi dati statistici, “in controtendenza assoluta rispetto al comparto agroalimentare nel suo complesso; anche in un periodo di crisi come quello attuale riscuote l’apprezzamento dei consumatori che, sempre più, mettono il cibo al centro di una vita sana. E cresce anche il comparto del benessere che oggi attribuisce alla salute il significato più complesso di star bene, di sentirsi bene e di piacersi rinforzando così lo stretto legame fra alimentazione, salute e bellezza”. Amen
Ecco qualche veloce scatto del mio Sana 2009


Promozione del primo allevamento di conigli bio

Il mitico macellaio-salumiere del Casentino (AR) Fracassi e il suo singolare modo di tagliare del prosciutto di maiale grigio

La farine del mulino langarolo Marino e la scoperta dell’Enkir, il primo cereale addomesticato sulla terra, con cui Birra del Borgo ha creato una delle sue ultime etichette


Piccolo mulino per fare la farina in casa

Non poteva mancare un ampio spazio dedicato ai vini “naturali”. Alcuni splendidi, come questo, e altri no…

Post Correlati

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.