Il mio scambio libero


Da giovane studente di Scienze Politiche, nel cuore degli anni Novanta, ho beccato in pieno la tranvata della cosiddetta globalizzazione.

Una parolina che dice tutto e niente, che andrebbe certo collocata in un’indagine seria sui percosi dell’economia capitalista, non certo sulle colonne di un blog squinternato che propone la sua visione su cose futili come vini e companatici. Ma che, oggi come allora, ci sottopone innumerevoli quesiti.

Negli anni ho ascoltato mille voci e altrettante posizioni, partecipato a forum e controforum, visto atti concreti e contestazioni. Tutto in nome di un modello che focalizza la discussione sul cosiddetto libero scambio tra paesi, capaci di partorire accordi che mettono la politica classica sempre più in ombra rispetto ad interessi e logiche commerciali assai poco trasparenti, stabilite in ambienti sempre più lontani dal controllo democratico.

Ho familiarizzato sempre più con acronimi nuovi, dal WTO al NAFTA, capendo quel che potevo capire su un mondo che si stava restringendo, dove le merci viaggiavano sempre più veloci, e che andava costruendo un grande campo di gioco comune. Peccato che i singoli giocatori apparissero invece molto diversi tra loro, sottoposti a regole affatto coerenti e punti di partenza spesso lontanissimi.

Negli ultimi giorni, leggendo un articolo del Die Zeit (tradotto e riportato da Intenazionale), ho avuto modo di approfondire un’altra sigla, il TTIP, arricchendo il mio vocabolario in materia.

Si tratta del Transataltic Trade and Investment Partnership, un trattato in divenire tra Stati Uniti e Unione Europea, finalizzato a creare la più grande zona di libero scambio del mondo. Ovviamente la questione sottende molti campi differenti ma quello del cibo non è affatto secondario. Anzi, a me pare decisivo.

Il fatto è che USA ed Europa, le cui imprese dialogano e danno vita a fiorenti commerci (non serve che stia qui a ricordare quanto conta l’export per le aziende italiane, quelle del vino in primis), hanno delle regole produttive e delle visioni di base differenti, in molti casi addirittura antitetiche.

Per dire, gli allevatori americani di bestiame possono tranquillamente utlizzare i così detti ormoni della crescita, per ingrassare i propri capi più rapidamente ed abbattere i costi, mentre a quelli europei la pratica è impedita. Negli USA vige il principio che se un prodotto o una pratica (pesticidi, additivi chimici, processi di vario genere) non sono “inconfutabilmente” nocivi per la salute, allora devono essere ammessi. In Europa è l’opposto: vige il principio di precauzione per cui è necessario dimostrare a monte, prima del suo impiego e oltre ogni ragionevole dubbio, che una sostanza non abbia effetti negativi sulle persone.

L’esempio degli ormoni, così come dell’uso del cloro in zootecnia non è causale in quanto il dibattito sul TTIP è molto acceso su questo fronte.

Le organizzazioni che si occupano di libero scambio vedono come fumo negli occhi questi divieti, li considerano alla stregua di dazi doganali e i paesi che decidono di applicarli sono addirittura soggetti a pesanti sanzioni.

Il dibattito è più che mai aperto, non solo tra i diversi contendenti ma anche all’interno dei vari paesi. La paura, infatti, specie per le imprese europee, è quella di mettere in pericolo i propri affari con gli USA, in una logica di reciprocità commerciale che è facile da comprendere. Dall’altra parte ci sono i cittadini, sempre più spaventati da quel che arriva nel piatto, che potrebbero veder innalzare i rischi se il TTIP andrà in porto.

Come andrà a finire? La carne agli ormoni e un livello più basso di garanzie è il prezzo da pagare per non mettere in sofferenza le imprese italiane ed Europee? Il principio di precauzione, a cominciare dagli OGM, è destinato ad essere rivisto in nome del libero scambio?

Vedremo. Se in Europa, tra qualche anno, avremo una popolazione con le tette sensibilmente più grosse, sapremo perchè.

L’altro Brunello

L’altro Brunello

Qualche giorno fa, in maniera del tutto casuale, ho incontrato Brunello Cucinelli davanti a un caffè.
Occasione buona per un veloce scambio di idee, dopo una breve presentazione, che mi ha naturalmente invogliato ad approfondire la questione vino che lo riguarda.
In molti, negli ultimi anni, hanno scritto della passione del re del cachemire per Bacco, e [...]


Le mani dell’artigiano

Le mani dell’artigiano

La mia simpatia verso gli artigiani, compresi quelli del vino, non arriva a farmi tollerare difetti macroscopici, imperfezioni eclatanti, variazioni sul tema tanto grandi da rendere incomprensibile la trama di fondo o la totale mancanza di costanza.
Dire che “ogni bottiglia potrebbe essere diversa dall’altra”, annunciarlo trionfalmente in etichetta, mi pare una facile operazione di marketing [...]


S’Apposentu | Le stelle sotto e sopra il cielo

S’Apposentu | Le stelle sotto e sopra il cielo

Un’estate fa la mia prima volta a Siddi. Stavolta ci sono arrivato più consapevole, senza aspettative incerte o schemi confezionati da altri.
Non è cambiato molto. Certo l’asina che ti accoglie all’arrivo ha avuto un bardotto e ora divide il recinto con lui e le capre. Guarda come al solito oltre la rete: il pollaio, i [...]


#svuotacantina | Lapierre, Morgon 2012

#svuotacantina | Lapierre, Morgon 2012

Il dado è tratto: la prossima fuga autunnale sarà qui. Mi travesto da Cesare, sperando che Antonio non si identifichi troppo con Cassio, e comincio a riempire il file dei giorni e delle visite. Lo schedificio estivo è pienamente in opera, ma è già troppa la voglia di fresco e di tunnel del Monte Bianco.
La [...]


Vini da un matrimonio

Vini da un matrimonio

Ormai diversi anni fa, in una concitata riunione di famiglia, nostro padre aveva strappato la promessa che almeno uno dei due, tra me e mia sorella, avrebbe provato a condurre una vita più o meno “normale”,  compiendo i riti di passaggio fondamentali della curiosa società in cui viviamo e arrivando persino all’estremo gesto del matrimonio.
Il [...]


Piccole annate grandi vini | Pierre Amiot - Clos de la Roche 2004

Piccole annate grandi vini | Pierre Amiot - Clos de la Roche 2004

Dopo una decina d’anni di scarrozzamenti da e verso la Borgogna, possiamo orgogliosamente dire che il quadro della regione si è fatto più nitido e che i vini misteriosi che ivi si producono, i cru e i climat della zona hanno per noi furboni i segreti contati.
A parte qualche trascurabile effetto collaterale (forse avrete notato [...]


Si fa presto a dire minerale

Si fa presto a dire minerale

Ancora Calce. Ancora questo villaggio minuscolo spazzato dal vento, sui Pirenei Orientali, incastonato tra le Corbieres e il mare.
Conosco pochi vini capaci di esprimere in maniera tanto fedele i tratti naturali di appartenenza, i suoli in cui poggiano le viti, come quelli prodotti attorno a quelle quattro case dai colori bianchissimi.
C’è uno spartiacque nei vini [...]


#svuotacantina | Lopez de Heredia, Viña Tondonia Blanco 1981

#svuotacantina | Lopez de Heredia, Viña Tondonia Blanco 1981

Quanto li odio questi che portano i vini alla cieca. Appositamente per farsi le meglio risate alle tue spalle, già sapendo che sparerai un’asinata dietro l’altra.
Si chiama cazzimma dalle mie parti. Voi che non siete come me di Bolzano, volete sapere che cos’è la cazzimma? Non ve lo dico, questa è cazzimma.
Ed eccolo, questo strano [...]


Vuoto a rendere

Vuoto a rendere

Capita, c’è poco da fare. Per quanto tu stia attento, almeno una volta nella vita succede che qualcuno a te vicino apra la bottiglia sbagliata, quella che tenevi gelosamente e che proprio non doveva essere stappata.
Tanto lo so che è successo anche a te.
Di storie del genere ne ho sentite un sacco e forse qualcuno [...]