Gualtiero Marchesi battezza il nuovo Postale

Una volta ho ricevuto una lettera da Alain Ducasse. Avevo intervistato il grande cuoco francese ad Identità Golose e pochi giorni dopo mi sono ritrovato, nella cassetta della posta di casa, un biglietto di ringraziamento per il video che gli avevo fatto.

Ovviamente è una procedura standard, un modo che l’ufficio stampa di Ducasse usa per rafforzare la sua immagine e adulare i giornalisti, ma l’ho trovato lo stesso un gesto signorile, certamente raro ed elegante.

Non so perché, ma l’episodio mi è tornato in mente l’altra sera, quando ho cenato allo stesso tavolo di Gualtiero Marchesi, entrambi invitati al Postale* del Castello di Monterone. Sarà stato per l’autorevole serenità, i modi, la levatura di un personaggio determinante nella storia della cucina italiana; professionale, profondo e garbato come pochi.

Certamente mai saccente o sopra le righe, Marchesi mi è sembrato estremamente rispettoso dei piatti assaggiati e dei loro interpreti, anche se certo non accomodante o falsamente accondiscendente. Un uomo d’altri tempi, insomma, con un quid di autenticità che molti spadellatori di oggi si sognano.


Continua a leggere il testo »

Le Colombiadi

Le Colombiadi

Fabio Starnini è decisamente troppo magro per fare quello che fa (si legga l’invidia). Appassionato di cibo, vino e prodotti di ogni genere, viaggia in lungo e in largo alla scoperta di quanto di meglio si possa trovare nel settore dell’alto artigianato gastronomico. Dopo un l’esperienza di “Vino e companatico”, dove è stato capace [...]


Contadini senza terra

Contadini senza terra

A tavola, come nella stalla avevano sempre il cappello da lavoro calato in testa, aderente al cranio per ripararsi dal sole, dalla pioggia, dal vento, dagli sguardi degli estranei, dalla invadenza dei vicini.
Nei campi, d’estate come d’inverno, indossavano quello di stoffa, con la reclame del consorzio agrario o della Coldiretti. La domenica quello di feltro [...]


Meteoitaly

Meteoitaly

Non importa che tu sia un produttore industriale, bioqualcosa o vinoverista; giornalista, blogger, commerciale, standista o subrette. Metti in valigia abiti leggeri e corri.
See you soon


Il Mersault del faccendiere

Il Mersault del faccendiere

Negli ultimi anni gli italiani hanno imparato un sacco di parole nuove ed è forse questo uno dei meriti più significativi della classe politica che ci tocca, così come di una certa imprenditoria illuminata che gli va a braccetto.
Tra queste escort, ovviamente, capace di evocare mille volti (sic!) e il bikini leopardato contenente la nipote [...]


Io, lui e il peperoncino

Io, lui e il peperoncino

Mi  ero innamorata di un uomo che era innamorato del peperoncino. Non sono mai stata portata per i ménage a trois, ma quando scopri la persona in cui perdersi vale tutto.
E allora mi sono fatta amica il peperoncino.
Questo uomo mi avrebbe certamente protetta dalle brutture del mondo, vista la sua somiglianza con Fred Flinstone e [...]


Food porn

Food porn

Una settimana difficile e impegnativa lascia tanti piccoli segni. Il cumulo di giornali non letti e le riviste ancora da scartare sono, nel mio caso, tra gli indicatori più infallibili.
Appena sfogliata il giorno in cui è uscita, densa di articoli che mi hanno incuriosito e un ricco approfondimento enogastronomico, ecco dunque che solo nel weekend [...]


Perticaia | La rincorsa del Trebbiano Spoletino

Perticaia | La rincorsa del Trebbiano Spoletino

Della varietà e del mio incontro con i suoi vini ho già parlato tempo fa*.Certo la riscoperta del trebbiano spoletino è fatto recente, tutto sommato in divenire, alle prese con l’elaborazione di nuovi parametri e di un futuro che, se ben interpretato, potrebbe davvero essere luminoso.
Un bianco originale, almeno se guardiamo quel che passa il [...]


Collestefano | La maledizione (sfatata) delle annate dispari

Collestefano | La maledizione (sfatata) delle annate dispari

Il Collestefano* di Fabio e Silvia Marchionni rende l’idea della parte più verticale e salina del Verdicchio di Matelica.
Come di consueto è disponibile sullo scaffale a pochi mesi dall’ultima vendemmia e si libra nel tempo acquisendo negli anni quote aggiuntive di grazia gustativa e bellezza aromatica.
La storia del Collestefano è segnata da una crescita ponderata [...]


Essere lavastoviglie oggi

Essere lavastoviglie oggi

Se c’è una caratteristica richiesta nei rampanti tempi moderni in cui ci troviamo, questa è certamente la flessibilità.
Il mondo del lavoro fa scuola ma sono tutti gli ambiti del nostro essere e agire a richiedere capacità di adattamento, fluidità pratica e tuttologia teorica.
Un laureato in filosofia deve conoscere i rudimenti del linguaggio fonico, sia in [...]